Il teatro drammatico Norilsk è intitolato a Mayakovsky. E’ il teatro della città, il più settentrionale del mondo. Esattamente, come tanti anni fa, era in tournée a Mosca.

Presto, un teatro con una storia insolita, cast e produzioni uniche, torneranno a Mosca. Varie uscite tra cui la commedia “Papà” – la prima russa. Papà si basa sulla commedia del giovane drammaturgo francese Florian Zeller. Questo è un bestseller mondiale e in Russia il Papà è andato in scena per la prima volta a Norilsk. Interpretato dal più anziano attore del teatro di Norilsk, Sergei Rebri, il suo eroe è un uomo anziano affetto dal morbo di Alzheimer. “Papà”. E’ straordinario. Dimentichi completamente che davanti a te c’è un attore Rebri e vedi una persona anziana e malata, nella cui testa il mix reale e immaginario, i parenti già andati e quelli che vivono nelle vicinanze, e attraverso tutto questo puoi vedere chiaramente la penetrante solitudine del protagonista. La Direttrice del teatro Anna Babanova ha visitato una casa di cura in Francia, dove vivono persone anziane con problemi di memoria.

Incontrò una donna la cui madre non riconosce la figlia da molto tempo. Le persone attorno a lei le dissero che non c’era motivo di andare lì, di soffrire, perché il genitore non la può riconoscere. “E lei rispose:” Ma ricordo com’era “. La malattia di Alzheimer non si può curare, non si sa cosa succede a una persona, in che mondo vive.

In “Papà” viene mostrato il suo mondo, tutti i personaggi interpretano la scena attraverso i suoi occhi, come vede, come sente come percepisce la quotidianità che sta gradualmente cambiando “, ha detto la Direttrice Babanova. La commedia è stata scritta in un linguaggio semplice e vivace, il traduttore, Rustam Akhmedshin, è stato in grado di adattarlo magistralmente al pubblico russo.

È già stato presentato in molti paesi del mondo. Probabilmente non è una coincidenza il fatto che Norilsk sia stato il primo in Russia a mettere in scena Papà. Lo spettacolo è popolare nella città artica, a Norilsk vivono molti genitori che a loro volta  hanno dei genitori “e si preoccupano per loro. “E, soprattutto,”, ha detto Anna, “abbiamo un attore che può recitare un ruolo”. “Ogni volta che inizio a recitare un nuovo ruolo, temo di non riuscire a mantenere il livello che ho impostato nei ruoli precedenti.” Papà “è il mio ruolo migliore, ha raccolto tutto ciò che posso dare sul palcoscenico.

Anche se la performance è familiare. L’azione si svolge tutta in una stanza, in cucina, ma per me è un concentrato di umorismo, ironia e la tragedia di una persona sola “, dice Rebri. “Papà” andrà presto in scena a Mosca insieme ad altre esibizioni. Nell’ambito del programma federale “Big Tours”, Norilsk farà un viaggio nella capitale. Dal 12 al 15 settembre, per cinque giorni, sono programmati cinque spettacoli nel “Palace on the Yauza”.

Sarà una specie di ritorno a Mosca: l’ultima volta che il teatro è andato in tournée fu 40 anni fa “, afferma Lada Shebeko, Direttrice del Teatro Letterario e Drammatico. Il gruppo polare di Mosca fu ricevuto al Lenin Komsomol Theater di Mosca nel 1979. Si dice che la produzione di Norilsk dell’opera teatrale di Mikhail Shatrov “Blue Horses on Red Grass” su Vladimir Lenin ebbe più successo di quella di Mosca con lo stesso nome, dove il leader mondiale Oleg Yankovsky ha suonato l’ariatus, oltre agli spettacoli Temp-29, Three Sisters, The Case in the Metro, The Ninth Righteous.

Il teatro ha poi ricevuto un premio per la messa in scena del giovane poeta Krasnojarsk Roman Solntsev, The Golden Trumpet for Two. Now Oltre a Papà, i cittadini di Norilsk sono guidati a Mosca dalle anteprime delle ultime stagioni segnate da esperti di vari festival come Lady Macbeth della contea di Mtsensk, Dreams of the White Land, Wait for Me … e I Will Return, e il gioco per bambini di Timur Rikki-Tikki-Tavi Fayruzova. “Dreams of the White Land” – una performance di Eugene Ibragimov. Maschere, sciamani, alcuni pesci. Volano in aria, cadono in acqua, sulla terra, ci sono gli sciamani. Un argomento molto interessante, ha detto la Babanova. “Aspettatemi … e tornerò “è stato creato anche su motivi locali. L’azione si svolge a Norillag, un campo a nord di Krasnoyarsk, parte del sistema GULAG. Aveva dozzine di campi situati in un vasto territorio della regione. Tra i suoi prigionieri c’erano molte figure culturali, attori, scrittori, scienziati. Sono gli eroi della commedia. Nel 2017 il Norilsk Polar Drama Theater è stato nominato per la Maschera d’Oro. La competizione del XXIII National Theatre Festival ha portato la “Maschera d’oro” in “Drama” per la formulazione di teatro e regista cinematografico, sceneggiatore, drammaturgo Peter Shereshevscky “Zio Vanja”. 

L’area del teatro Norilag fa parte della storia del teatro Norilsk. Il teatro nasce tra il 1941 e il 1942 ovvero 12 anni dopo la nascita della città di Norilsk. Shebeko afferma che il teatro Norilsk era generalmente distinto dal pensiero libero. 

Molti artisti famosi hanno suonato nel teatro Norilsk, tra cui Evdokia Urusova, star del teatro Yermolova. Fu condannata per aver rifiutato di scrivere una denuncia all’organizzatore del partito, scontando una “condanna” in Estremo Oriente e nel 1949 un nuovo arresto.

Innokenty Smoktunovsky, condannato ai sensi dell’articolo 58–6 del codice penale dell’RSFSR per spionaggio nell’insediamento di Georgy Zhzhenov, giocò con Urusova, che aveva paura dell’arresto e partì per Norilsk. 

La squadra di attori del Norilsk Polar Drama Theater è di piccole dimensioni, 25 persone. Ora due attori hanno lasciato la troupe, il che è piuttosto doloroso, dice Shebeko. Gli attori sono invitati qui da tutto il Paese. “Denis Ganin è venuto da Omsk, Julia Novikova da Krasnoyarsk, Kolya Kaverin dalla Russia centrale. A Norilsk è come se una persona rimane per circa un anno, è già cittadino di Norilsk. Ci sono alcuni che non riescono, ma ci sono quelli che ci hanno fatto crescere l’anima”  disse Lada Shebeko.

Nella primavera del 1989, Sergei Rebri arrivò a Norilsk. Il suo primo ruolo è il cavallo Vulcaniano, che ha portato Cenerentola alla palla. C’erano i ruoli di un discepolo del diavolo, un sergente. Nel 1991, il giovane artista è stato notato dal regista Alexander Zykov. Anna Titova e Sergey Rebri in una scena dell’opera teatrale “Sylvia” di Alberta Gurney. Ho iniziato a seguire le persone, a studiare il mestiere, poi mi ha insegnato Alexander Markovich Zykov. A poco a poco, l’esperienza è arrivata, e sono meticoloso, noioso, mi piace scavare in profondità, risolvere, passare tutto al setaccio. Elaborazione verbale del testo, la linea interna, l’immagine, creare una certa immagine”, ha detto Re Brij.

Il futuro Freethinking e le innovazioni hanno sempre contraddistinto il Norilsk Theater. E ora è diventato uno dei primi nel genere delle prestazioni VR, mettendo in scena i motivi locali “Hyperborea. Putorana Plateau”. Gli spettatori, con gli occhiali speciali, si ritrovano nel mondo virtuale, senza alzarsi dalle loro sedie, cadono sull’Altopiano di Putorana, uno dei luoghi più misteriosi e belli della Siberia. “Questo, ovviamente, è sorprendente, qui è un luogo di potere, è qui, accanto a noi. Abbiamo pensato nella commedia che la città è come il mondo centrale, e mostriamo la città con gli occhiali, quella inferiore è la miniera e quella superiore è l’Altopiano Putorana. Ti metti gli occhiali e come sciamano inizi a camminare per i mondi “disse Babanova.  Anna Babanova afferma che il teatro prevede di aumentare il numero di produzioni sul grande palco da nove a dieci in un anno. Adesso sono le quattro o sei. “La prima cosa che vedremo in questo momento è Shukshin,” Mio fratello “, diretto da Timur Fairuzov, poi creerò La regina delle nevi e poi arriverà Yakov Lomkin questo è un regista di Raikin”.