Il 2018 è dichiarato in Italia “Anno del Cibo”. La cucina italiana, così come l’arte e l’architettura, è parte integrante della storia e dell’immagine moderna dell’Italia. Ecco perché l’Agenzia di viaggi nazionale ENIT continuerà a introdurre i russi in varie regioni d’Italia attraverso le loro tradizioni culinarie. Questa tendenza, ovviamente, si applica pienamente a … “pane cotto”. Così scherzosamente denominato gradevole vista del paesaggio collinare della regione, che riunisce tutti i diversi paesaggi d’Italia. Il discorso, naturalmente, riguarda la Regione Marche.

Marche è affascinante con la sua bellezza naturale. Ci sono molte riserve naturali e conservato nella sua forma originale di piccoli villaggi con la sua cucina, che combinano delicatamente il generosi doni della terra e del mare Adriatico. Molti prodotti della cucina locale vengono premiati con prestigiose categorie di qualità DOP e IGP.

Attraverso il suo principale rappresentante nel settore del turismo Torbidoni Valentino marchio ha introdotto il suo ricco mosaico di cultura, turismo e ospitalità offre già predpokaze giubileo 25 MITT – Moscow Fiera Internazionale del Turismo, che si è tenuta dal 13 al 15 marzo presso il quartiere fieristico della capitale russa. “Regione delle Colline” è stato, in particolare, in un Comitel & Patners seminario organizzato in Italia nel Moscow Marriott Grand Hotel, con la partecipazione dei maggiori tour operator russi e agenzie di viaggio, che hanno fornito le innovazioni più importanti nel 2018. All’evento hanno partecipato oltre 200 operatori specializzati invitati, oltre a rappresentanti della stampa specializzata.

Sviluppo dell’agricoltura, industria leggera e turismo: tutte queste industrie offrono stabilità economica a Marque. Ma la qualità della vita qui dipende anche da buone relazioni umane e forti legami sociali.

Sul territorio della regione ci sono 23 borghi medievali tra i più belli d’Italia. Fu in Marco, come per magia, che apparve Urbino “Città ideale”. E 17 bandiere blu sono un segno di riconoscimento della pulizia del mare e il comfort delle spiagge locali.

E’ noto in tutta Italia di carni animali “Markidzhana” razza, olive “Askolana” e di oliva tipo di olio Cartoceto DOP. Un ruolo importante nella cucina locale è giocato dai frutti di mare. I residenti sanno Marche numero inimmaginabile di zuppe di ricette di pesce e ogni anno competono per il titolo di miglior supovara al festival nell’antica fortezza di Fano.

La regione è famosa per i suoi vini: produce il vino del Rosso Piceno, ancora amato dagli imperatori dell’antica Roma.

Nel sentire il vino Hino-gourmet dai vitigni “Sangiovese”, “Trebbiano”. “Montepulciano” e soprattutto “Verdicchio” – uve bianche, uniche per la produzione di vini frizzanti e liquorosi.

La vita culturale delle città di Mark è stata per lungo tempo determinata e continua a determinare l’arte teatrale: gli abitanti provano una vera passione per la recitazione e la musica.

A questo proposito vale la pena di ricordare ai nostri lettori che l’opera italiana quest’anno festeggia il 150 ° anniversario della gloriosa compositore marchigiano nato Gioachino Rossini (1792-1868), autore del famoso “Il Barbiere di Siviglia” e “Cenerentola”.

Si dice che Rossini sia stato un favoloso … ghiottone. Si dice che gridò tre volte nella mia vita – dopo fischiato la sua prima opera, dopo aver lasciato da una barca nel lago con tacchino tartufi, e quando ha sentito Paganini giocare.

Jovial Rossini è l’autore di incredibili ricette. Nel 1842, in occasione della premiere di Bologna “Mosè in Egitto” di Rossini si avvicinò con un bizzarro spetsblyudo – “fagiano in una piramide di sale ripiena di erbe aromatiche (alloro, germoglio ginepro, rosmarino, timo) e avvolto con una garza prochesnochennoy. Gli scienziati ottenuti mamma, è stato riempito con sale grosso a piramide, cotto sotto sale e alimentato ad un couscous pila. Il cous cous simboleggiava la sabbia dorata dei deserti.

Un’altra marinara mediamente oscurata è il vino cotto con l’acne. Dante mostra l’angoscia di Papa Martino IV, che ha mangiato me anguille dal lago di Bolsena (Spetsprodukty un’altra area – Lazio), cotto, tuttavia, secondo la ricetta delle Marche, nel vino rosso “Vernaccia”.

E in casa marchigiana del famoso poeta, scrittore e amico di Fellini, Tonino Guerra – quello che era come una moglie russa, Laura, e che tutta la sua vita ha amato la Russia con la sua neve bianca.

E, infine, nelle Marche è possibile visitare la città di Loreto e con i propri occhi vedere il famoso santuaire, dove è conservata la casa della Beata Vergine Maria. La stessa casa in cui la Beata Vergine ricevette le buone notizie dall’arcangelo Gabriele.

All’interno della Basilica di Nostra Signora della Santa Casa di vetro colorato e testato la liturgia, candele accese, tremolanti lampade, l’aria si riempie del profumo di incenso. La luce irrompe attraverso le vetrate colorate e illumina gli affreschi. Vergine Maria nella corona d’oro e tutta la Santa Casa. I pellegrini di tutto il mondo vengono a pregare nella Santa Casa.

Sì, il cibo, ovviamente, è la felicità italiana, ma l’uomo non vive di solo pane. In ogni caso, la regione Marche offre le più ampie opportunità per i viaggiatori.