Mariella Devia è stata protagonista il 9 ottobre al Teatro Regio di Parma del recital Verdi Romantico, accompagnata al pianoforte da Giulio Zappa. In programma arie da Giovanna d’Arco, I Lombardi alla prima Crociata, Falstaff, Il corsaro, I masnadieri di Giuseppe Verdi e da Maria Stuarda di Gaetano Donizetti, a cui si affiancano i Sonetti di Petrarca di Franz Liszt, le Mazurke op. 67 n. 3 e 4 di Fryderyk Chopin e Arabeske op. 18 di Robert Schumann. “È sempre un piacere tornare al Teatro Regio di Parma – dichiara Mariella Devia – dove ad attendermi un pubblico che mi vuole bene e mi stima. È ancora vivissima l’emozione per le belle recite di Roberto Devereux, che è l’ultima opera che mi ha visto su questo palcoscenico. Ora torno al Festival Verdi con un programma molto particolare, che ruota intorno al mito romantico, con brani che in qualche modo si ricollegano ai capolavori letterari di Schiller, Heine, Byron e ai miti di Dante e Petrarca. Quindi Verdi, ma anche Liszt e Donizetti e, per il solo pianoforte, Chopin e Schumann. Un programma variegato, con due prime assolute per me: l’aria di Gulnara dal Corsaro e quella di Amalia dai Masnadieri. Sono sicura che sarà per tutti una bella serata!”.

Acclamata da pubblico e critica come regina del belcanto, Mariella Devia trionfa da oltre quarant’anni in tutti i più importanti teatri del mondo. Molte delle sue interpretazioni sono entrate nella storia dell’opera, prima fra tutte la sua Lucia in Lucia di Lammermoor, ma anche Gilda in Rigoletto, Konstanze in Die Entführung aus dem Serrail, Elvira ne I Puritani, Amenaide in Tancredi, Violetta ne La traviata, Lucrezia Borgia, le regine della trilogia Tudor di Donizetti e Norma. Nel 2016 le è stato conferito a Londra il premio “International Opera Awards 2016” come miglior cantante femminile.